È una chiamata all’unità quella lanciata dalla Federazione nazionale parafarmacie Italia e dal Movimento nazionale liberi farmacisti “una voce unica, compatta, forte per avanzare una proposta unitaria e comune al nuovo Governo”. Con questo messaggio le due sigle hanno organizzato l’incontro “Stati Generali delle parafarmacie di vicinato” per domenica 1 luglio a Roma. Con l’insediamento del nuovo Governo e il completamento del quadro istituzionale, si legge in una nota, le parafarmacie guardano con interesse al lavoro del nuovo esecutivo e in particolare a quello del nuovo Ministro della Salute Giulia Grillo. Tra i temi trattati durante i lavori l’esigenza di riformare il settore della distribuzione del farmaco e in particolare l’accesso alla libera professione.

Fnpi e Mnlf chiamano a raccolta tutti i titolari di parafarmacia di ogni provenienza sindacale. «Ora l’unico nostro compito è coagularci in una voce unica, compatta, forte, pur nel rispetto delle soggettività e delle divergenze – afferma Matteo Branca, presidente di Fnpi – Ciò che ci unisce deve prevalere su ciò che ci divide, senza giochetti né personalismi, con buon senso e in buona fede. Unione di intenti: tutte le sigle, uguale trattamento, uguale dignità, uguali spazi. Se la politica vedrà una categoria unita ci ascolterà: chi lavora contro l’unità lavora contro la categoria. La massiccia adesione all’evento è molto incoraggiante, la frammentazione condanna all’irrilevanza. Il buon senso dei colleghi vincerà questa volta e l’unità di intenti è possibile. Ora sta a noi».